LA FONTANA DEL TROCCO

A cura della scuola elementare 2░ ciclo 1999/2000

La fontana del Trocco risale al XIII secolo; la strutturae i mattoni ci permettono di datarla intorno al 1200. Il nome deriva dalla prima sentina fabbricata a forma di trocco: un recipiente in muratura basso e largo. Fu costruita ad "elle" forse per dare pi¨ stabilitÓ al terreno che tendeva a franare e per raccogliere una maggiore quantitÓ d'acqua. Nei secoli successivi furono aggiunte altre parti e nel 1859 fu costruito il loggiato grande, per coprire il pubblico lavatoio e utilizzarlo anche nella brutta stagione.
La fontana fu realizzata per avere acqua potabile, indispensabile per le popolazioni che si erano insediate nella nostra zona e per raccogliere le acque,
in modo da evitare che le rupi si inzuppassero e franassero.

Probabilmente furono i monaci farfensi a realizzare le prime opere di bonifica. Costruita sotto l'altura, nella parte pi¨ larga della valle,
in una posizione facilmente difendibile, raccoglie le acque delle sorgenti sovrastanti, convogliate in un unico acquedotto, fatto in muratura.

Dal paese si scendeva alla fontana lungo la "via dell'acqua" e attraverso la "porta della fontana", oggi ridotti ad un ripido sentiero e a un pezzo di muro cadente.
La via pi¨ importante e frequentata era via Cipolletti, si scendeva vicino a "lu casch' dell'acqua" e si arrivava alla fontana. Usata fino agli anni 50/60, nel 1887, con l'istallazione del primo acquedotto comunale, proveniente dal monte Ascensione, la fontana pass˛ in secondo piano, tanto che prese il nome di "fonte vecchia". L'acqua della fontana veniva usata dai viandanti per ristorarsi. Gli abitanti del paese, nei giorni di festa, si recavano alla fontana a fare passeggiate o piccole scampagnate.