Il Teatro Serpente Aureo,

( parte integrante del Carnevale Offidano ) fu costruito nel 1820, su disegno dell'architetto Pietro Maggi, demolendo parte
dell'antica Casa Comunale, di cui utilizza l'elegante portico quattrocentesco come facciata, in sostituzione di uno di legno
eretto sin dal 1771 nella Sala Consigliare dello stesso Palazzo. La pianta Ŕ tipica dei teatri settecenteschi italiani;
" a Boccascena o Ferro di Cavallo" con tre ordini di diciassette palchetti e un loggione diviso in quindici parti.
Poco dopo l'unitÓ d'Italia, fu ampliato e decorato dall'artista Offidano Alcide Allevi, nella stessa epoca, venne dotato
dell'atrio sulla piazza. La volta raffigurante Apollo e le Muse, con attorno otto medaglioni con i ritratti di:
Pergolesi, Spontini, Bellini, Rossini, Donzetti, Metastasio, Goldoni e Alfieri. Sul proscenio, l'antico sipario dipinto da G. B. Magini, raffigurante la leggenda del mitico Serpente d'Oro. L'ultimo restauro iniziato nel '91 e finito nel 2002 Ŕ stato progettato
dall'Ing. L. D'Angelo e dall'Arch. S. Rossini.

-.- Lettera del Sindaco (Offida 20/12/2002 ) -.-