Storia dei " VLURD "

VLURD Ŕ una locuzione dialettale derivante dal vocabolo BIGURDO o BIGORDO o BEGORDO con cui nel medioevo, si indicava
una giostra cavalleresca, che, in occasione di importanti festeggiamenti, si svolgeva nelle strade dei castelli. Il nome dato
alla giostra era BEHORT' in francese o BEHURT' in tedesco. Al calar della sera, poi, la manifestazione era illuminata dalle
fiamme dei fasci di canne accesi, che, in senso traslato, vennero chiamati con lo stesso nome dato alla giostra. Nel linguaggio
moderno, col nome di BAGORDO Ŕ sinonimo di gozzoviglia,baldoria, con cui si concludevano, quasi sempre, quelle manifestazioni
paesane. La consuetudine di accendere e di portare i VLURD, per le vie di Offida, nella sera del martedý di Carnevale Ŕ documentata
da un avviso da parte della podesteria di Offida che dice: 1░ - Il clamore notturno non potrÓ essere progredito oltre le ore 2 di notte;
scorso questo periodo ciascuno dovrÓ restituirsi alle proprie famiglie, senza perturbare la pubblica e privata quiete. 2░ - Le
fiaccole non potranno essere dell'altezza che di 3 braccia, e sarÓ vietato appiccare il fuoco alle porte degli abitanti. - 2/2/1814